Cagliari, rivoluzione in via Dante: nuovo giardino e mega ipermercato

Aprirà al pubblico il giardino dell’ex istituto biochimico. Tutto nel piano del nuovo ipermercato. Il piano è già stato approvato in consiglio comunale e ora c’è l’accordo tra il Comune di Cagliari e la società Igm di Villacidro. L’accesso da via De Gioannis

Aprirà al pubblico il giardino dell’ex istituto biochimico di via Dante. Tutto nel piano del nuovo ipermercato. Il piano è già stato approvato in consiglio comunale e ora c’è l’accordo tra il Comune di Cagliari e la società Igm di Villacidro. La zona guadagnerà uno spazio verde di 706 mq, costituita da due aree rispettivamente di 461 e 245  metri quadrati, entrambe accessibili da via De Gioannis, e separate tra loro da uno stradello carrabile, in parte di uso pubblico, che consente l’accesso ai locali commerciali che apriranno su via Dante.

Un giardino pubblico/privato che sarà curato dai privati che prenderanno in carico la gestione, dovranno stabilire orari di apertura, modalità di accesso ed uso, al fine di una fruizione ottimale da parte della cittadinanza. E dovranno soprattutto posizionare le nuove panchine

Il progetto prevede il mantenimento dell’attuale recinzione e cancello sulla via De Gioannis. Perché l’eventuale rimozione, darebbe libero spazio agli atti di inciviltà e vandalismo che spesso in città “caratterizzano l’uso di spazi di relazione interamente Pubblici ed accessibili in assenza di regole e orari”, si legge nei documenti del Comune.

L’istituto biochimico nacque negli anni 50’ del secolo scorso grazie all’opera dell’allora sindaco cagliaritano Giuseppe Brotzu. Nell’area venivano prodotti sieri e vaccini. L’area venne lentamente abbandonata a partire dagli anni ’80. Nel 2001 il fallimento del Biochimico poi l’acquisto da parte della Casar e la realizzazione del polo “Biho”.

L’ipermercato in arrivo è una media struttura di vendita (mista, 80% alimentare, 20% non alimentare) in una zona centrale della città, accanto agli impianti sportivi del complesso dell’Ossigeno e a breve intercettata dalla metropolitana leggera. Secondo il progetto, i locali che ospiteranno le attività commerciali sorgeranno al piano terra di due distinti fabbricati, sede del complesso edilizio denominato “Biho”, attualmente destinati ad ufficio (peraltro mai in attività) e avranno  superfici di vendita rispettivamente di 810 mq (fabbricato A) e 535 mq (fabbricato B). Spazio anche a 99 posti auto destinati alla clientela. Gli accessi saranno due: uno da via Dante e l’altro da via De Gioannis.


In questo articolo: