Cagliari, svolta digitale per il turismo: arriva l’app con la “realtà aumentata”

La descrizione dei luoghi si avvia automaticamente una volta raggiunto il luogo d’interesse. La tecnologia della “realtà aumentata” consentirà di approfondire la storia dei luoghi dando informazioni ai turisti anche su commercio e trasporti

Un’app con la realtà aumentata. In grado di raccontare la storia dei luoghi inquadrati dal telefonino. La richiesta per il nuovo servizio è stata votata oggi in commissione comunale congiunta Attività produttive e Innovazione tecnologica. “Abbiamo inserito la necessità di un’interfaccia tra app e portale”, spiega Pierluigi Mannino, presidente della commissione Attività produttive, “andrà poi pubblicizzata negli info point e nel terminal crociere. Sarà plurilingue. Arabo incluso”. Saranno studiati anche gli itinerari turistici della città. La mozione impegna sindaco e giunta comunale ad attivare le procedure finalizzate alla progettazione e realizzazione di un servizio innovativo multimediale tramite App, interfacciabile con i principali sistemi operativi installati nei devices mobili Ios e Android.

L’applicazione tecnologica mobile sarà collegata al sistema di geolocalizzazione Gps, srà dotata di sistema vocale integrato multilingue (italiano-inglese-tedesco-francese-spagnolorusso-cinese e arabo), con la descrizione dei luoghi che si avvia automaticamente una volta raggiunta la prossimità delle attrazioni e dei luoghi d’interesse, anche con utilizzo della tecnologia “realtà aumentata” che consentirà di approfondire la storia dei luoghi e darà informazioni utili ai visitatori, collegata al trasporto pubblico locale con ubicazione delle fermate – linee di trasporto e tratte da percorrere. Prevista anche l’implementazione di itinerari turistici urbani tematici e interfacciabili, all’interno dei quali saranno stabiliti i punti di interesse geolocalizzati, da raggiungere tramite la navigazione satellitare e in prossimità dei quali si apre il loro contenuto descrittivo.

C’è poi la necessità di garantire un ritorno economico. E si prevede quindi di commercializzare il servizio tramite gli App Store, di rendere la App accessibile e integrabile con nuovi servizi privati rivolti al turista e l’inserimento di informazioni commerciali a pagamento. Infine verrà promossa la diffusione con azioni di marketing nei “punti sensibili” della città (porto, aeroporto, stazione ferroviaria, trasporto pubblico locale – e strutture ricettive. Tra gli itinerari ipotizzati: Cagliari Nuragica, Cagliari Punica, Cagliari Romana, Cagliari capitale del Regno d’Italia e Cagliari e le sue chiese.

 

Il proponente dell’idea è Raffaele Onnis, presidente della commissione Innovazione Tecnologica e Agenda Digitale: “Un sogno che inseguo per Cagliari già dalla precedente consiliatura nella quale avevo presentato una proposta analoga, oggi ho avuto modo di reiterarla con il contributo e l’appoggio della commissione da me guidata e da quella del Turismo di Pierluigi Mannino. L’orientamento attraverso sistemi di geolocalizzazione integrati con audio guide e realtà aumentata sarebbe a portata di mano di tutti i turisti che possiedono uno smartphone ed è già realtà in altre importanti mete turistiche. Su questa base è strutturata la proposta, con dei risvolti che, attraverso la vendita del servizio e di banner pubblicitari ai privati, possono rappresentare un’opportunità anche economica per l’amministrazione comunale”. 

 


In questo articolo: