Cagliari, orrore al parco di Terramaini: gatti sbranati dai cani lasciati in libertà

Lettera alla Municipale e al Servizio parchi. “Terramaini non è sicuro, anche ieri uccisi alcuni esemplari della colonia felina. Serve un’area per i cani di grossa taglia. A rischio anche i volatili del laghetto”

Gatti sbranati da cani lasciati in libertà senza guinzaglio né museruola. L’orrore al parco di Terramaini. Tutto in una lettera che Marcello Polastri, presidente della commissione Sicurezza ha scritto al servizio parci e alla Municipale. L’allarme è sulla “solita presenza di cani di media e grossa taglia liberi nel Parco comunale di Terramaini, senza guinzaglio e museruola ma con collare, i quali, oltre a defecare nel prato erboso, sono soliti mantenere comportamenti che attentano al senso sicurezza , rendendo dunque poco sicuro il permanere nel medesimo spazio verde.
Tra l’erba infatti capita spesso di trovare escrementi mentre risale a  ieri  sera il ritrovamento di gatti sbranati, delle locali colonie feline, che dunque sono in pericolo nonostante tutelate dalla Legge.
Ne è una prova, infatti,  l’allegata immagine tratta da quanto pubblicamente  denunciato da un cittadino cagliaritano. È del tutto evidente anche la necessità di sanzionare chi eventualmente al parco non rispetta le regole, ed è necessario riscrivere forse le stesse in bella evidenza in più zone del grande parco.
Da qui la richiesta, motivata, per  un intervento con  operatori comunali (e il possibile impiego,  ad esempio,  di precettori del reddito di cittadinanza) affinché possano  controllare sia il parco, a tutela del patrimonio cittadino, e il rispetto delle regole di civile comportamento. La  creazione ma soprattutto il rispetto delle prescrizioni in una zona riservata del parco  per soli cani di taglia piccola, e/o separata, di taglia media grande, consentirebbe di restituire la tranquillità perduta in quest’oasi di pace e bellezza.
I cani potrebbero anche correre liberi, comunque in un’area  separata dal resto del parco,  affinché possa tornare in detto sito, la normalità e la tranquillità per tutti i frequentatori: grandi e piccini, con animali al seguito e non.
Infine, nello spirito di massima collaborazione e aiuto per codesta PA, anche per unire le forze e risolvere un problema che va vacillare la sicurezza, la tranquillità e il benessere animale delle colonie feline  (normate dalla Legge),  l’occasione è gratuita per chiedere al competente Servizio,  quando verranno ultimati i lavori per la sistemazione, attesissima, del ponte ligneo nel parco, sullo specchio d’acqua nel quale dimorano specie tutelate di volatili,  i quali sono in evidente ritardo.
Si auspica infine che anche i suddetti voltatili non corrano il rischio per via dei cani lasciati liberi a Terramaini”.


In questo articolo: