Cagliari, occhio alla truffa: “Un ragazzo si butta sulle strisce in via Liguria per spillare soldi”

La disavventura capitata a uno psicologo, Marcel Denrath: “Andavo a 30 all’ora, si è messo a correre ed è finito vicinissimo alle mie ruote, accusandomi di guidare velocissimo. Meglio avere la dashcam montata e accesa per evitare guai”.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Stava guidando la sua auto in tutta tranquillità quando, all’improvviso, ha notato un ragazzo correre nel marciapiede opposto al liceo Pacinotti, in via Liguria a Cagliari: “Ha raggiunto le strisce pedonali e si è buttato a pochi centimetri dalla mia vettura”. A raccontare quella che ha il sapore di una truffa è Marcel Denrath, psicologo cagliaritano. Accanto a lui c’era la madre, la velocità era di trenta chilometri orari: “Non stavo certo correndo. Il ragazzo si è rialzato e mi ha detto che dovevo andare piano. È chiaro che stava cercando un modo per spillarmi soldi, ma sono stato irremovibile e gli ho detto chiaramente che stavo rispettando i limiti di velocità”. Il giovane, a quel punto, se n’è andato, ma il rischio è che possa ripetere il gesto con qualche altro automobilista.
“Utilizzate sempre la dashcam, così si possono evitare truffe e il rischio di essere messo alla gogna”, avvisa Denrath. “La telecamera fissa in auto è una potente arma anche dal punto di vista legale. Comunque, a Cagliari conviene andare a trenta chilometri orari ovunque, tra macchine parcheggiate vicino ai passaggi pedonali che coprono la visuale e furbetti che tentano di fregare il prossimo”.