Cagliari, molesta donne e ragazzine: 21enne ghanese arrestato per violenza sessuale

Nei parcheggi esterni del Brotzu, sulla metropolitana leggera, in via Is Maglias e in viale Trieste: sono quattro le donne vittime di violenza – tra loro anche una 15enne e una 16enne, in questi ultimi due casi c’è l’orrenda aggravante della molestia sessuale – da parte di uno straniero senza fissa dimora arrivato nell’Isola via mare. La polizia: “Abbiamo preso un molestatore seriale, aveva fatto la domanda di richiesta d’asilo ma sarà espulso dall’Italia”. Tutti i dettagli

Si chiama Alvin Umar, ha 21 anni ed è in città dall’estate scorsa: “È arrivato su uno dei tanti barchini di stranieri che viaggiano per raggiungere l’Isola”, spiega il commissario capo della squadra mobile di Cagliari Michele Mecca. Il ghanese è stato arrestato con la pesantissima accusa di violenza sessuale, accertata in almeno due casi che, vista l’età delle vittime, assumono i contorni dell’horror. Due giorni fa il giovane – senza fissa dimora e senza lavoro – ha adocchiato una sedicenne, verso le quindici, in via Is Maglias. Le si è avvicinato “e l’ha strattonata, abbracciandola. La ragazzina si è messa a urlare e il molestatore è fuggito a piedi”. Ieri, invece, l’altro episodio choccante: la vittima, una 15enne, era appena uscita dal liceo Siotto, in questo caso “è una quindicenne, praticamente una bambina. Lo straniero le ha messo le mani nelle parti intime, toccandole le natiche e stringendole i seni. Lei ha reagito e le sue urla hanno richiamato l’attenzione di altre persone”. Poche ore dopo, l’uomo è stato trovato in via Roma e arrestato dal gruppo dei Falchi, “grazie alle preziosissime descrizioni fornite dalla giovanissima vittima”, spiega Mecca.

“Alvin Umar è un senza fissa dimora, aveva fatto richiesta per ottenere l’asilo politico ma, dopo queste violenze, ovviamente sarà espulso dall’Italia”. Gli altri due casi, di molestie, sui quali stanno lavorando gli investigatori, risalgono allo scorso mese di gennaio: “Una ragazza di ventisette anni è stata molestata fuori dai parcheggi dell’ospedale Brotzu, il ventunenne era incappucciato” e, alla fine, era scattata solo la procedura di identificazione. Poi, dentro la metropolitana leggera, l’altro “fattaccio”: in quel caso il 21enne era stato bloccato, fuori dal convoglio, da una pattuglia della polizia intervenuta dopo varie chiamate di allarme: “Poi, però, probabilmente perchè presa dalla paura, la donna non aveva confermato l’identità del molestatore. Se avesse avuto coraggio, l’uomo sarebbe stato arrestato già cinque mesi fa”.


In questo articolo: