Cagliari, mangiano ostriche e astice e scappano senza pagare: “Tornate con 215 euro o vi denuncio”

Due uomini hanno cenato al bistrot dell’Antica Cagliari, ordinando un ricco menù di pesce. Poi, con la scusa “di dover fumare una canna”, si sono alzati dal tavolo e sono spariti. Il titolare Alberto Melis: “Le nostre telecamere vi hanno ripreso, tornate per saldare il conto o mi rivolgerò alle Forze dell’ordine”.

Si sono accomodati ad un tavolo esterno del bistrot dell’Antica Cagliari, in via Sardegna, e hanno ordinato un menù decisamente costoso: “Gamberi rossi siciliani, ostriche, scampi, astice e una bottiglia di vino”. Insomma, un classico menù di pesce innaffiato con l’alcol. Ma, dopo aver banchettato, due uomini hanno utilizzato la più classica delle scuse per allontanarsi e non pagare il conto: “sono andati a fumare una canna, uno dei camerieri ha ovviamente detto che non potevano fumarla al tavolo”, come ha raccontato la responsabile di sala del locale al titolare. I due, quindi, si sono alzati e sono arrivati all’angolo della strada e, poi, sono spariti nelle viuzze della Marina, lasciando una “stecca” di 215 euro.
Ma le telecamere del locale erano attive e hanno ripreso tutti i loro movimenti: “Abbiamo i filmati”, dice il titolare del locale, il ristoratore cagliaritano Alberto Melis. “Il conto è di duecentoquindici euro. Invito la coppia a ritornare per saldare il conto, in caso contrario sporgerò denuncia alle Forze dell’ordine”.


In questo articolo: