Virus alle corde in Sardegna, rapporto Gimbe: -32% in una settimana

Ottima anche la situazione negli ospedali, con le intensive occupate al 6% e i reparti al 5%. L’incidenza dei casi ogni 100mila abitanti è di 105.

In Sardegna il virus è davvero alle corde, con un calo costante e progressivo dei contagi da covid anche nell’ultima settimana. Lo certifica il consueto rapporto Gimbe, che ogni giovedì fotografa l’andamento della pandemia che, facendo i dovuti scongiuri, sembra ormai aver perso la forza dirompente che ha devastato il mondo intero per quadi due anni.

Nella settimana 6-12 ottobre nuovi casi in calo del 32% rispetto alla settimana precedente. Performance in miglioramento anche per i casi attualmente positivi ogni 100mila abitanti, che sono 105.

Ancora migliore la situazione negli ospedali, lontanissimi i tempi estivi in cui si aspettava il bollettino quotidiano con il fiato sospeso perché bastava anche solo un ricovero in più per far scattare la zona gialla. Ora i reparti sono lontani dalle soglie di saturazione fissate dal ministero per garantirsi la permanenza in zona bianca, 10% per le intensive e 15% per i ricoveri ordinari. Nell’isola il tasso di occupazione dei posti letto delle intensive è al 6%, dei ricoveri nei reparti dedicati al 5%.


In questo articolo: