Cagliari, l’ultima nave e i residenti e i turisti furiosi per l’addio di Tirrenia: “Costretti a pagare di più partendo da Olbia” (VIDEO)

Ultimo approdo nel porto del capoluogo da Civitavecchia, tra chi torna nell’Isola dopo la stagione lavorativa fatta a Roma e chi è venuto in vacanza regnano incredulità e rabbia. I più incattiviti sono i vacanzieri: “Fate rimettere il collegamento, è importantissimo. Per tornare a casa dovremo fare tanta strada in più e abbiamo già speso molti soldi”. GUARDATE le VIDEO INTERVISTE

È simile a una processione funebre, quella delle automobili che escono dalla pancia della Moby Zazà, l’ultima nave della Tirrenia partita da Civitavecchia. Da oggi non ci saranno più collegamenti, sarà compito della politica provare a trovare una soluzione. Ma, sino a data da destinarsi, Cagliari è ancora più isolata via mare. E le ripercussioni, unite alla rabbia, fioccano tra i passeggeri del “bestione” del mare. C’è chi ritorna nell’Isola dopo aver lavorato tutta l’estate come cameriere nel Lazio e chi ha scelto la Sardegna per trascorrere le ferie di settembre. Claudio De Dominicis, 68 anni, ha attaccato alla sua auto il gommone col quale si divertirà nel mare di Calasetta, insieme alla moglie: “Partito da Civitavecchia, per andare via andremo a Olbia e pagheremo di più. Veniamo qui da molti anni, la Regione e lo Stato intervengano per ripristinare questo disservizio. Per la Sardegna e Cagliari è un danno, purtroppo siamo rimasti beffati anche noi”.
È tornato nella sua Sardegna dopo i mesi estivi passati a lavorare nel Lazio, invece, Lorenzo Melis, 19enne di Tertenia: “Arrivo da Tarquinia, nel settore della ristorazione, mi secca dover scendere qui e non ad Arbatax, dovrò farmi un’ora e mezza di viaggio. Hanno tolto pure quella di Arbatax. Tra un mese e mezzo dovrò ripartire, prenderla a Olbia mi costerà troppo perchè avrò anche le due ore e mezzo di viaggio dal mio paese. Non si può andare avanti così, trovino qualche soluzione, contratto o accordo. Così non si va avanti, tra andata e ritorno ho speso duecento euro, da Olbia costa di più, ripeto, considerando il viaggio che mi toccherà fare per arrivare sin lì”. Una coppia romana, con figli, lancia un appello a gran voce appena abbassato il finestrino dell’auto: “Abbiamo saputo da Google dello stop di Tirrenia. Andremo sino a Olbia, è un disagio grosso. Rimettete la nave a Cagliari, è molto importante per i turisti e per chi ci lavoro. Dovrò ripartire domenica, speriamo davvero che la rimettano anche nella vostra città”.


In questo articolo: