Cagliari, i trapiantati donano visiere e termoscanner ai medici in lotta contro il Coronavirus 

Decine di visierine paraschizzi ma anche amuchina, guanti, occhiali da laboratorio e otto importantissimi termoscanner: “Tutti doni per i nostri angeli del Brotzu” 

Quattro specchi grandi per facilitare le operazioni di vestizione e svestizione di camici e tute di infermieri e medici, 24 visiere paraschizzi, due contenitori da 5 litri ciascuno di amuchina, 40 confezioni di guanti in vinile, 5 occhiali da laboratorio e otto termo scanner. È questo il contenuto del mega pacco regalo dei trapiantati sardi dell’associazione Prometeo, guidata da Pino Argiolas, per i medici dell’ospedale Brotzu in trincea contro il Coronavirus. “Molte volte, da loro abbiamo ricevuto aiuti importanti, e dunque è davvero un piacere e un dovere morale, adesso, aiutarli”, spiega Argiolas, “a combattere il Coronavirus con qualche strumento in più”. Tutti gli oggetti arriveranno domani saranno sin da subito a disposizione del personale medico del  più grande ospedale della Sardegna.
La raccolta fondi, però, va avanti: “Aiutateci con la sottoscrizione pubblica a dare una mano basta anche un piccolo versamento alla: PROMETEO AITF ODV. IBAN: IT68E0101504807000000044357 – C.F.92122720920.


In questo articolo: