Cagliari, i boxisti di San Benedetto in ansia: “Ci spostiamo sino al 2026 solo se c’è lo spazio”

Riunione infuocata nel mercato più grande della città, il Comune presenterà domani il progetto ai macellai e pescivendoli, dalla primavera andranno in piazza Nazzari: “Ben vengano i lavori milionari per la nuova struttura, ma se anche solo uno di noi dovrà andare lontano dal quartiere di San Benedetto sarà battaglia”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

La certezza è una, nella primavera del 2023 inizieranno i lavori milionari per il nuovo mercato di San Benedetto, che sarà aperto anche la sera e avrà una mega terrazza panoramica con ristorante. Per il resto, bisogna attendere domani. Nel pomeriggio il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu presenterà, ad una delegazione di operatori della struttura, il progetto e, forse, i rendering per la loro nuova “casa” sino al 2026, che sarà in piazza Nazzari. ma i 180 boxisti sono in ansia, e oggi c’è stata una riunione infuocata nel pomeriggio: “Ben vengano i lavori, si tratta di interventi milionari che cambieranno il volto al nostro luogo di lavoro. Ma se anche solo uno di noi dovrà andare lontano dal quartiere di San Benedetto sarà battaglia”, promette Massimo Ruggiu, pescivendolo e tra i rappresentanti dei lavoratori interni. Domani ci sarà anche lui all’incontro a palazzo Bacaredda e porterà delle chiare rivendicazioni a nome dei suoi colleghi. La paura “è di andare chissà dove, magari a Pirri o a Sant’Elia, nei rispettivi mercati civici. Diciamo assolutamente no a questa ipotesi che sta circolando, a livello di voci, da un po’ di tempo”.
Ma nelle strutture che sorgeranno accanto al teatro Lirico di via Sant’Alenixedda lo spazio sembra esserci per tutti. Il multipiano mai aperto, inoltre, sarà fruibile dalle auto almeno al primo piano interrato, nel secondo ci saranno le celle e i depositi dedicati ai prodotti dei boxisti.


In questo articolo: