Cagliari, Corso riaperto alle auto: “Rischiamo di dover restituire 1, 6 milioni all’Europa”

Il centrosinistra ha espresso la preoccupazione che il Comune corra il rischio di restituire un milione e 600 mila euro se via Manno e il Corso verranno aperte alle automobili perché le strade sono state definite “ciclo pedonali”. Ma se è così perché ci mettono i tavolini?

Mentre distribuivano frittelle e offrivano caffè  tra i tavolini del Corso, i Consiglieri comunali del Pd, presente anche l’ex Sindaco Zedda, hanno espresso la preoccupazione che il Comune corra il rischio di restituire un milione e 600 mila euro se le strade verranno aperte alle automobili, seppure per due ore come ha deciso la giunta Truzzu, perché le due strade sono state definite ” ciclo pedonale “. Una domanda allora si impone: se il sedime stradale é classificato ciclo pedonale, come e possibile autorizzare occupazione del suolo pubblico per posizionare tavolini, sedie, ombrelloni e arredi vari ? É la domanda alla quale vorremmo che dessero una risposta chiara e inequivocabile , anche per evitare che a restituire i soldi spesi siano chiamati coloro che hanno approvato i progetti.


In questo articolo: