Cagliari, con l’effetto Coronavirus arriva anche la crisi: “Hotel taglia le ore di lavoro: prenotazioni in picchiata”

Calo degli arrivi in città e l’effetto Coronavirus si fa sentire anche sugli alberghi: “Un 4 stelle ha dovuto ridurre il lavoro dei dipendenti per circa tredici settimane, presto potrebbero esserci altri casi”, la preoccupazione dei sindacati


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Meno arrivi uguale meno bisogno di dipendenti. A Cagliari, per l’effetto del Coronavirus, iniziano a registrarsi cali, anche marcati, nelle prenotazioni delle stanze degli alberghi. La fascia più colpita? “Quella dei 3 e dei quattro stelle”, afferma Nella Milazzo della Filcams Cgil. E, tra i primi casi di stop, c’è quello della società “Minoter, associata del T Hotel di Cagliari. In seguito all’imprevedibile evoluzione degli eventi legati alla diffusione del virus Covid-19 nel territorio nazionale, ha dichiarato la necessità di sospendere, in alcuni casi anche a zero ore, la prestazione lavorativa dell’intero organico, 97 dipendenti, a partire dal 16 marzo 2020. La sospensione avrà una durata indicativa di 13 settimane”, spiega ancora la Milazzo. “Martedì prossimo avremo un incontro con i proprietari dell’albergo per fare il punto della situazione. Salvo sorprese, la volontà è quella di ricorrere agli ammortizzatori sociali”. Lì, nell’hotel di via ddi Giudicati, “la contrazione della domanda riguarda il 70 per cento del traffico camere e il 70 per cento di cancellazioni degli eventi congressuali e della banchettistica correlata”.
E, nei prossimi giorni, altri hotel potrebbero dover mettere in ferie forzate i propri lavoratori: “Ci sono almeno altri tre alberghi cittadini, sempre con un range tra le 3 stelle 4 stelle, in difficoltà. Come sindacato terremo la guardia alta per evitare qualunque tipo di disagio o criticità per i dipendenti”.


In questo articolo: