Cagliari, bando per 60 imprese: l’eccellenza nel digitale

Promosso dalla Camera di Commercio

La migliore qualità delle imprese nostrane abbraccia la tecnologia digitale per sfruttare le opportunità della rete e conquistare nuovi mercati. È il progetto Made in Italy- Eccellenze in digitale, promosso da Google ed Unioncamere e realizzato in collaborazione con 64 Camere di Commercio italiane. Obiettivo: supportare le aziende del territorio nella scoperta del web e delle sue immense potenzialità per acquisire nuove fette di mercato. Per questo la Camera di Commercio di Cagliari ha predisposto un bando per selezionare, in base al criterio cronologico di arrivo del modulo d’adesione, 50 imprese dei settori turistico ed agroalimentare che potranno contare gratuitamente sulla professionalità specifica di due Digital Strategist.

 

Da settembre fino ad aprile del 2016 saranno questi consulenti a contattare direttamente le 50 aziende selezionate per affiancarle nel percorso di avvicinamento al digitale, svelando le potenzialità nascoste e offrendo servizi di consulenza creati ad hoc.

 

“Made in Italy- Eccellenze in digitale” nasce, infatti, per sostenere la diffusione del web e della rete tra le piccole e medie imprese operanti nei settori economici collegati alla tipicità del territorio. In particolare, i settori di riferimento sono quelli di punta del made in Italy, come le filiere della cultura agroalimentare e del turismo, gli stessi che, tradizionalmente, caratterizzano l’immagine del Paese all’estero.

 

I due Digital Strategist della Camera di Commercio di Cagliari, affiancati da un tutor dedicato, saranno a disposizione delle 50 imprese del territorio. Nella scorsa edizione, in tutta Italia, sono state raggiunte oltre 20 mila aziende, oltre 1500 quelle contattate per realizzare progetti studiati appositamente per far conoscere la qualità a livello internazionale.

 

Ma le imprese che utilizzano gli strumenti digitali per farsi conoscere sono ancora poche. Il digitale, infatti, pur rappresentando una grande opportunità di crescita per le eccellenze del nostro Paese, non è ancora sfruttato in tutte le sue potenzialità.

 

Non è un caso, quindi, che la Camera di Commercio di Cagliari, in linea con il Programma pluriennale per il periodo 2012-2016, con il Piano triennale della Performance 2014-2016 e con la Relazione previsionale e programmatica 2015, ha individuato come settori di riferimento del progetto “Made in Italy -Eccellenze in Digitale” le produzioni agroalimentari tipiche e il turismo per diffondere in questi settori strategici una cultura digitale in grado di favorire la sensibilizzazione e l’innovazione a tutto campo.

 

L’Ente ritiene, infatti, che sia un suo preciso compito istituzionale accompagnare le piccole e medie imprese del settore agroalimentare e del turismo in un percorso finalizzato a diffondere il valore del lavoro a rete” e quello della rete come mezzo veloce e capillare di promozione anche sui mercati più lontani.

 

Il bando per la selezione delle imprese beneficiarie del progetto è pubblicato sul sito istituzionale ed è già operativo. Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito istituzionale www.ca.camcom.it e sul sitohttp://www.eccellenzeindigitale.it.

 

 

I NUMERI

prodotti made in Italy sono da sempre sinonimo di eccellenza e artigianalità nel mondo. Le imprese italiane sono tante e la qualità delle loro produzioni è molto apprezzata a livello internazionale.

Studi recenti hanno rilevato che l’interesse per i settori tradizionali del made in Italy è in crescita costante come registra il motore di ricerca Google: +22% nell’ultimo anno su smartphone e tablet. Inoltre, la crescita di maturità digitale fa aumentare la percentuale di imprese che fanno export incidendo sul fatturato per il 39%.

Nonostante questo, solo il 5,1% delle piccole e medie imprese italiane fa uso di internet e social media in modo strategico. Gli italiani, invece, sono sempre più presenti e passano sempre più tempo su Internet (il 75% accede a Internet ogni giorno).

La comunicazione e l’adozione di tecnologie digitali rappresentano quindi un punto cardine per lo sviluppo economico delle imprese e del territorio. Secondo il rapporto Unioncamere 2015, le imprese che sono attive online registrano il 9% in più di ricavi, assumono di più e resistono meglio alla crisi.

 

 

 


In questo articolo: