Autobus per Capoterra, l’Arst gela gli studenti:”Deciderà la Regione”

La risposta dell’Arst non soddisfa gli alunni di Capoterra: “Manca una linea diretta con le nostre scuole, è assurdo”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Dopo la richiesta inviata all’Arst di aggiungere una linea di ritorno diretta come previsto per l’andata dagli studenti di Capoterra frequentanti gli istituti  presenti a Monserrato ITIS DIONIGI SCANO , ITC FABIO BESTA E L’ALBERGHIERO GRAMSCI, arriva una risposta dopo quasi 2 mesi che provoca tra gli studenti scetticità e dubbio su come muoversi verso una conclusione finale. Ecco la risposta dell’ARST:”Facciamo seguito alla sua cortese richiesta in cui si propone che venga istituita una nuova linea di collegamento diretto tra gli istituti ITIS Scano , istituto alberghiero A.Gramsci , ITC F.Besta e  Capoterra comunicando che l’istituzione di nuove linee di trasporto pubblico locale è di stretta competenza dell’Assosserato ai Trasporti dalla Regione Autonoma della Sardegna a cui dovrà quindi essere rivolta la sua richiesta. Solo dopo che la RAS avrà valutato ed eventualmente accolto la sua richiesta la nostra azienda , in qualità di esercente del servizio di trasporto pubblico, potrà effettuare il collegamento . Nella speranza di averla presto a bordo dei nostri mezzi, le ricordiamo che restiamo a sua disposizione per eventuali chiarimenti”, Firmato dal direttore centrale dellì’Arst. Tiepida la reazione degli studenti: “Non è possibile , ci stanno prendendo in giro, abbiamo saltato giorni di lezione per recarci all’ARST , alla Regione e ci reindirizzano in altri posti che ci ripetono sempre le stesse cose. Questa burocrazia ci uccide , si vede che siamo in Italia”.


In questo articolo: