A Samugheo un’opera d’arte collettiva con pietre e piante

Un grande cuore disegnato su un telo trasparente nella piazza del Comune di Samugheo. Sino all’11 febbraio i cittadini potranno portare, in qualsiasi momento della giornata, una pietra da porre dentro il cuore e una pianta da porre all’esterno del cuore.

Un grande cuore disegnato su un telo trasparente nella piazza del Comune di Samugheo. Sino all’11 febbraio (festa della Madonna di Lourdes e giorno dedicato a malati e sofferenti). I cittadini potranno portare, in qualsiasi momento della giornata e in assoluta sicurezza – per quanto riguarda distanziamento e norme anti-Covid – una pietra da porre dentro il cuore e una pianta da porre all’esterno del cuore.

L’iniziativa al via l’8 dicembre 2020 è dell’Associazione Civica per la tutela e la promozione del territorio… e oltre di Cabras, in collaborazione con il Comune, la Parrocchia e l’Istituto Comprensivo di Samugheo.

Si tratta di un’opera collettiva della vicinanza, ossia un’opera che intende dare un segno di solidarietà, di misericordia a tutti i malati e a tutti i sofferenti in questo momento.

Ma non è tutto! L’Associazione della Milizia dell’Immacolata della Sardegna ha deciso di donare ai due paesi Cabras e Samugheo rispettivamente 10.000 e 3.000 Medaglie Miracolose: una per ogni abitante. Delle missionarie saranno disponibili la domenica per far comprendere meglio il valore della fede nella Medaglia Miracolosa.

Il desiderio è quello di far sentire la propria vicinanza agli ammalati e a quanti soffrono. Al termine dell’opera collettiva, ci sarà un grande Fassonis (barca antica dei pescatori di Cabras) che conterrà le 3000 Medaglie Miracolose benedette dal parroco di Samugheo don Diego l’8 dicembre scorso.

A conclusione dell’iniziativa ogni cittadino potrà riprendere la pietra, la pianta e una Medaglietta Miracolosa contenuta nel Fassonis.


In questo articolo: