Zedda, patto con Enel:”Più soldi e lavoro con la banda larga” VIDEO

Cagliari capofila assieme ad altre 4 città italiane per il progetto sperimentale della banda ultra larga. La VIDEO INTERVISTA di Cagliari Online al sindaco Massimo Zedda: “Un importante traguardo che vede la nostra città sfruttare le potenzialità dell’innovazione digitale, con ricadute positive anche in termini occupazionali e di sviluppo delle aziende locali”

(Nell’immagine in alto, un momento della conferenza stampa odierna in municipio, con Tommaso Pompei di Enel Oper Fiber, Riccardo Ruggiero di Tiscali, l’assessora ai Servizi Tecnologici Luisa Marras e il primo cittadino, Massimo Zedda)

«Si tratta di un progetto di sperimentazione, Cagliari è prima in Italia assieme ad altre quattro  città, non solo innovazione tecnologica di alto livello, avrà dei benefici per tutte le famiglie e le imprese locali. Sarà a bassissimo impatto dal punto di vista sia dei lavori pubblici perché si sfrutteranno i cavidotti già esistenti, avremo una ricaduta immediata sia economica oltre che di gran lustro per le potenzialità anche occupazionali». Ne è convinto il primo cittadino, Massimo Zedda, con il capoluogo sardo che lancia la sfida con Enel e Tiscali: entro i primi mesi del 2018, la banda ultralarga in 66 mila abitazioni, con un investimento di Enel pari a  20 milioni di euro. Lavori già cominciati, in pari tempo con altre città che ripongono fiducia sul progetto, (Perugia, Venezia, Padova e Catania).  Il piano è stato illustrato stamane in conferenza stampa, dall’amministratore delegato di Eof Tommaso Pompei: in sostanza, copertura del 50% delle unità immobiliari entro luglio 2017 e dell’80% entro il mese di 2018. Snocciolato in numeri, 440 chilometri di rete interrata e circa 60 di rete aerea con una sinergia stipulata anche con Tiscali, che provvederà a “migrare” corca 20mila utenze adsl alla nuova fibra Enel.

La video-intervista del sindaco di Cagliari, Massimo Zedda