Vittima del Coronavirus, Tonara piange il medico Nabel Khair

E’ morto al Santissima Trinità Nabeel Khair, 58 anni, residente a Quartu e medico di base a Tonara. Molto conosciuto in città, era rappresentante delle comunità palestinesi in Europa

Un’altra vittima di Coronavirus. E’ morto Nabeel Khair, 58 anni, residente a Quartu e medico di base a Tonara, ma per anni al lavoro ad Aritzo come guardia medica. Da qualche settimana era in terapia intensiva al Santissima Trinità. Era molto conosciuto in città per il sostegno alla causa palestinese (era un rappresentante delle comunità palestinesi in Europa). “Apprendiamo con tristezza e sconcerto della morte di un nostro medico di base”, scrive la sindaca di Tonara Flavia Loche, “porgiamo a tutti i familiari e alle persone a lui vicine le più sentite condoglianze da parte della Amministrazione Comunale e della comunità tonarese. “Un dolore immenso. Nabeel non ce l’ha fatta ed è volato via. Non lo dimenticherò mai”, scrive su Facebook l’ex assessore alla Cultura Paolo Frau, “ricorderò per sempre il viaggio assieme in Palestina, la sua mamma, la sua famiglia, le visite ai campi profughi, l’incontro con Arafat. Ricorderò per sempre la sua grande umanità e il suo impegno. Un ultimo abbraccio, fratello”.


In questo articolo: