Vandali scatenati a Muravera, devastato il ginepro plurisecolare di Feraxi

La denuncia del Grig: “Un vero e proprio patriarca verde, un Ginepro plurisecolare. Eppure ultimamente bestie bipedi di specie umana non trovano di meglio che vandalizzarlo, tagliare i suoi rami, farne una sorta di capanna per i propri comodi”

Vandali scatenati a Muravera, colpito e sfregiato il ginepro secolare di Feraxi. La denuncia è degli ambientalisti del Grig. “E’ lì, da parecchi secoli, al centro della splendida spiaggia di Feraxi, sul litorale di Muravera. Un vero e proprio patriarca verde, un Ginepro plurisecolare. Eppure ultimamente bestie bipedi di specie umana non trovano di meglio che vandalizzarlo, tagliare i suoi rami, farne una sorta di capanna per i propri comodi.

Rischia di far la fine del Ginepro plurisecolare di Lucaise, nell’Isola di San Pietro, che lì viveva da molto prima che la colonia dei Tabarchini s’insediasse a Carloforte (1738). Ed è stato massacrato nel febbraio 2020, finora impunemente, nonostante denunce e indagini. Anche il Ginepro plurisecolare di Feraxi ha visto estati e inverni, Maestrale e Levante, mareggiate e bagnanti fin quando dei vandali delinquenti han preso a massacrarlo.

 

L’area è tutelata con vincolo paesaggistico e rientra nel sito di importanza comunitaria (S.I.C.) “Stagni di Colostrai e Saline”, ma solo una presente vigilanza può concretamente fermare cialtroni e delinquenti ed evitare danni all’ambiente e all’identità dei luoghi.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha provveduto a inoltrare un esposto alla Soprintendenza per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Cagliari, al Comune di Muravera, alla Guardia costiera, ai Carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale e al Corpo forestale e di vigilanza ambientale, informando nel contempo la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari. Atti vandalici come questo non dovrebbero rimanere impuniti”.


In questo articolo: