Truffa del telefonino, stavolta la vittima è il venditore: una denuncia a Pabillonis

Il truffatore ha abilmente realizzato un documento fasullo che riproduceva la ricevuta di un bonifico e lo ha poi inviato tramite whattsapp al raggirato in maniera da indurlo in errore.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Non si è trattato propriamente di una truffa telematica, per quanto il mezzo informatico sia stato utilizzato, ma alla base si riscontra ancora una volta l’ingenuità della parte lesa. Questa, un 24enne disoccupato di Pabillonis, aveva posto in vendita sulla nota piattaforma di trading online di Facebook un telefono cellulare “IPhone 12 pro 128 GB” per 500 euro. Era stata contattato da un 37enne di Sinnai, noto alle forze dell’ordine, che aveva aderito all’offerta ma che aveva chiesto di poter pagare con un bonifico Money Tranfer allo scopo di poter rendere tracciabile la transazione ed evitare future contestazioni. Previo accordo in tal senso, l’acquirente ha inviato online al venditore copia del bonifico compiuto, recante gli estremi del pagamento. I due si sono incontrati nello stesso pomeriggio a Cagliari in via Roma per la consegna dell’apparato telefonico. Sembrava che tutto fosse andato per il verso giusto e senza incidente se non fosse che quel bonifico tardava ad entrare nel conto corrente del ragazzo di Pabillonis che, superati i tempi tecnici, dopo una polemica telefonica con l’autore del raggiro, lo ha denunciato ai carabinieri. Che il telefonino provenisse dal denunciante poteva infatti verificato mediante un semplice tabulato telefonico e che il presunto bonifico di pagamento non fosse mai pervenuto al venditore era ben facile da ricostruire con un banale accertamento bancario. Il truffatore aveva abilmente realizzato un documento fasullo che riproduceva la ricevuta di un bonifico e lo aveva poi inviato tramite whattsapp al raggirato in maniera da indurlo in errore.


In questo articolo: