Svendita Cagliari: Giulini vende e non compra, tifosi presi in giro

Dopo la cessione di Ibrabo, il bilancio del mercato rossoblù dice che Giulini prende solo giocatori in prestito o svincolati. Incassa e spende ben poco

Svendita Cagliari. Delusione e amarezza dei tifosi alla chiusura del mercato di gennaio. Sul banco degli  imputati il presidente Tommaso Giulini reo di aver ceduto nell’ultimo giorno utile Ibarbo, considerato uno dei giocatori migliori del Cagliari,  senza averlo sostituito con un’adeguata contropartita tecnica. Sul web e sui Social è salita la protesta e non sono mancate le accuse al colombiano sparito dalla scena lo scorso 18 dicembre dopo l’infortunio. Siamo tifosi del Cagliari da quando abbiamo iniziato a correre dietro un pallone e non le nascondiamo che come appassionati e sostenitori della squadra siamo molto delusi per la gestione del mercato di gennaio o meglio,nel nostro caso, del mercato di riparazione. La cessione di Ibarbo ci poteva stare per rimpinguare le casse societarie,con l’ingresso di circa 15 milioni, e se avesse portato in rossoblù almeno tre elementi  per rafforzare la squadra con giocatori di categoria e con quelle certezze che potessero regalare un futuro più sereno alla squadra e alla società.Ma questo non è avvenuto e ci sentiamo presi in giro.  Siamo preoccupati perché le strategie e le scelte non rispecchiano il progetto che era stato sbandierato all’inizio della stagione.

Eravamo fiduciosi che si ponessero le basi per la prossima stagione con giocatori di proprietà e non solo con i prestiti . Se è vero che Ibarbo è stato venduto l’ultimo giorno la scelta è stata davvero molto discutibile e sembra frutto di improvvisazione e non di una valida strategia di mercato. Con la speranza che i nuovi acquisti si dimostrino all’altezza ci auguriamo che il Cagliari esca fuori da questa situazione e ci possa regalare qualche soddisfazione. Noi ci crediamo ancora perché la serie A è una risorsa preziosa per tutta l’isola”. Un invito e l’appello dei tifosi che dimostra il grande attaccamento alla squadra. E domenica arriva la Roma degli ex Nainggolan e Astori e dell’infortunato Ibarbo  dove i punti varranno sicuramente doppio.


In questo articolo: