Strepitosi Melchiorri-Sau-Farias: Cesena ko, il Cagliari primo da solo

Grande prestazione dell’attacco rossoblù trascinato da uno straordinario Melchiorri. La squadra di Rastelli torna a vincere ed è di nuovo solitaria al comando, in volo verso la serie A

Tre punti sofferti e alla fine meritati. Il Cagliari vola in solitudine al primo posto .È stata una vittoria sofferta che ha visto gli uomini di Rastelli ottenere il massimo risultato con grande sacrificio e uno spirito di gruppo molto forte. Il vero protagonista è stato Federico Melchiorri autore di una rete straordinaria e uomo assist e spina nel fianco della difesa bianconera. La squadra ha finito in dieci e ha sofferto parecchio il caldo e probabilmente l’orario in cui si è giocata la gara. Numerosi giocatori alla fine sono stati vittime dei crampi e hanno abbassato il baricentro e concesso campo e qualche occasione al Cesena che comunque è sembrata nel complesso una buona squadra ma troppo preoccupata di non prenderne.

È stato un anticipo di serie A quello che si è disputato oggi al Sant’Elia tra Cagliari e Cesena due delle squadre favorite per un’immediata risalita nella massima serie. Tanti assenti nelle due compagini impegnati nelle rispettive nazionali e gran duello tra le panchine in cui siedono Drago d Rastelli i due tecnici emergenti della serie B. Nella prima mezz’ora le squadre sono sembrate bloccate e quasi impaurite di concedere spazi agli avversari per il contropiede. La partita è stata quasi inguardabile , con ritmi blandi e la totale assenza del gioco offensivo per lo scarso movimento delle punte e la mancanza degli inserimenti di Joao Pedro e di Farias troppo compassato. Fortunatamente il risultato si è sbloccato nell’unica azione di rilievo del Cagliari. Colpo di testa di Joao Pedro, grande respinta centrale del portiere Gomis, e conclusione vincente di Farias. Il primo tempo si è chiuso con i rossoblù in vantaggio ed è l’unico aspetto che contava; il più importante in una partita blindata con le due squadre bloccate . Nel secondo tempo, al 4 minuto, gol annullato al Cesena per un evidente fuorigioco.

La partita è salita decisamente di livello e i ritmi sono decisamente stati più alti col Cesena che cercava il pareggio e concedeva qualche spazio per il contropiede . E proprio in una azione straordinaria di Melchiorri, che in velocità si è bevuto la difesa bianconera, è nato il secondo gol del Cagliari. L’attaccante ha servito Sau al centro dell’area una palla che chiedeva solo di essere spinta in rete. Il Cesena ha tentato una timida reazione e su punizione da circa 20 metri ha dimezzato lo svantaggio con un gran sinistro di Magnusson che ha colto impreparato Storari , anche lui in preda ai crampi, forse anche per le tensioni vissute in settimana per la sconfitta subita a Pescara. Dopo solo un minuto Melchiorri ha chiuso la partita con un gran gol da circa 20 metri. Il centravanti ha dimostrato di essere il vero uomo in più. Il goleador  ogni qual volta ha cambiato passo è riuscito a superare in velocità tutti gli avversari che gli sono capitati a tiro e ha tenuto palla quando è stato necessario . Alla fine sono stati minuti lunghissimi quelli che hanno separato la vittoria dal fischio finale dell’arbitro Pasqua di Tivoli che ha concesso 6 minuti di recupero per le numerose interruzioni dovute in particolare ai problemi fisici di alcuni dei rossoblù. Ottimo l’inserimento di Tello e prezioso il lavoro di Deiola che ha fallito anche il quarto gol. I due hanno tenuto la palla lontano dall’area di Storari,leggermente infortunato. Alla fine è stato un tripudio del pubblico che ancora una volta ha intonato a gran voce “Serie A ” . Hanno festeggiato anche i componenti del nuovo Cagliari club dedicato al presidente Giulini giunti per l’occasione da Chiusa di Pesio in provincia di Cuneo guidati dal villacidrese Antonello Erbi . Il Cagliari ora guida la classifica in solitudine e sabato prossimo andrà a Novara. 


In questo articolo: