Signor Viola, il miliziano con la barba: un simbolo di Sant’Efisio

Il personaggio del centro storico: signor Viola, che ogni anno conferma il suo voto al martire guerriero


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Signor Viola e l’invito che non si può rifiutare, Signor Salvatore Viola, ancora una volta, dopo 50 anni, rispetta il suo voto. Imponente Miliziano dalla barba bianchissima, che fa crescere da settembre, per essere pronto per sfilata del 1 maggio. Lo incontri in quel di Castello. Seduto nel Bar di Piazza Carlo Alberto sarai costretto, obtorto collo ad accettare l’invito. “O Gianfranco, unu café” “Grazie, Ziu Tore”, è una proposta che non puoi rifiutare. Abbiamo seguito a breve distanza Sant’Efisio dopo la benedizione del carro a buoi, il Lunedì dell’Angelo – Pasquetta, parte dalla Chiesa di Stampace per recarsi in Cattedrale. Signor Tore anche quest’anno in sella con affianco, i nipoti ed i figli. I preparativi iniziano immediatamente dopo Pasqua, a dire il vero non terminano mai.La sua portanza ed il viso sarà, come sempre, una delle più frequenti inquadrature con annessi commenti. L’ansia, in quel di Stampaxi, non è di casa i preliminari per la processione, sono un lavoro di trecentosessantacinque giorni. Sarà il Martire Guerriero, sarà la tradizione, sarà l’orgoglio di far parte di qualcosa di grande. Impegno e soddisfazione impareggiabili. Cari Miliziani saluti. Sull’attenti di fronte al Signor Toreddu. Che sia una buona guardia. Almeno credo.


In questo articolo: