Si allontana lo spettro giallo, la Sardegna per ora resta in zona bianca

Come anticipato ieri, i numeri delle terapie intensive migliorano ed evitano il passaggio nella fascia con più restrizioni. Ma il pericolo non è scongiurato, i ricoveri nei reparti Covid continuano a salire e la situazione rimane molto delicata

Come anticipato ieri, i nuovi dati sull’occupazione delle terapie intensive confermano che la Sardegna può tirare (per ora) un sospiro di sollievo: la zona gialla, spettro evocato ormai da settimane, si allontana. Dopo aver sforato la soglia del 10% per ben due volte, la situazione è tornata sotto controllo, con un 9% certificato questa mattina da Agenas che tiene l’isola nella fascia a zero restrizioni con entrambi i parametri sui ricoveri. Molto oltre la soglia dei 50 ogni 100mila persone resta invece il terzo parametro, siamo oltre i 142 casi. Certo sono numeri che non lasciano un ampio margine, anche perché purtroppo i ricoveri nei reparti Covid continuano ad aumentare, ma se davvero in Sardegna è stato raggiunto il picco dei casi e siamo nella fase del plateau, come previsto dagli esperti, allora è davvero possibile che si possa restare ancora a lungo in zona bianca. Anche perché c’è un altro elemento: la vaccinazione che procede e dunque immunizza un numero sempre crescente di sardi, ben 7 su 10 a oggi risultano vaccinati con almeno una dose, media che scende a 5 per la doppia dose.


In questo articolo: