Sgomento a Iglesias per la donna aggredita: “Una violenza che lascia attoniti e senza parole”

Sgomento a Iglesias per la donna aggredita, interviene il consigliere regionale della Lega Michele Ennas: “Quanto accaduto ieri a Iglesias è a dir poco sconvolgente. . Suscita grande rabbia per la consapevolezza che l’aggressore era già da tempo noto per gesti simili ma continuava comunque a circolare indisturbato”

Sgomento a Iglesias per la donna aggredita, interviene il consigliere regionale della Lega Michele Ennas: “Quanto accaduto ieri a Iglesias è a dir poco sconvolgente e spinge a delle serie e profonde riflessioni.
Un atto di una violenza tale che lascia attoniti e senza parole, oltre a indurre tutti a una ferma e dura condanna. Suscita grande rabbia per la consapevolezza che l’aggressore era già da tempo noto per gesti simili ma continuava comunque a circolare indisturbato. Esprimo massima vicinanza e i più sinceri auguri di pronta guarigione alla giovane mamma, vittima di un soggetto che non dovrà più seminare panico e di un sistema che fa troppi sconti a chi non ne dovrebbe aver diritto. Da troppo tempo si parla della necessità di inasprire le pena per atti di aggressione e violenza, in particolare verso le donne, ma ancora si e’ fatto poco in tal senso e ci ritroviamo spesso nella paradossale situazione di ritrovare i carnefici più tutelati delle vittime.
Non si deve vivere nel terrore di uscire di casa, non si può vivere nell’incubo di necessitare perennemente di una protezione o di sperare nell’assistenza di chi passa. Ogni cittadino deve sentirsi protetto dalle istituzioni e libero di uscire a qualsiasi ora dalla propria abitazione senza rischi.
Un grazie di cuore, per aver scongiurato la possibilità che la situazione degenerasse in conseguenze ancor peggiori, va ai Vigili del Fuoco di Iglesias. Ho personalmente chiesto al Presidente del Consiglio Regionale Michele Pais che la squadra venga ricevuta presso il palazzo del Consiglio Regionale per esprimere la doverosa gratitudine”, conclude Michele Ennas della Lega.


In questo articolo: