Sei trapianti di fegato in un mese: il cuore del Brotzu batte ancora

Un ospedale dove i medici lavorano con grandissima professionalità: nonostante strane campagne mediatiche, problemi di organico e le incognite sull’accorpamento

Sei trapianti di fegato in un mese, nel Brotzu che funziona. Nell’ospedale al centro di strane campagne mediatiche negative. Di fronte a un accorpamento pieno di incognite, più che di speranze. E in mezzo a veleni che hanno portato anche alle dimissioni a fine anno di Nazareno Pacifico. Eppure, c’è il cuore che batte, quello di medici, molti medici del Brotzu, che si dimostrano dei grandissimi professionisti. Proprio su Fb Pacifico ha dato la notizia lanciata nelle scorse ore da Giuseppe Argiolas presidente dell’associazione Prometeo: “Questo pomeriggio in ospedale, abbiamo saputo del nuovo trapianto di fegato che è stato realizzato ieri, su un paziente di sesso maschile , che fortunatamente sta bene.
Sono con questo 6 trapianti di fegato, più quelli di altri organi di cui non abbiamo i dati, dall’inizio dell’anno 2016 molti di questi provengono da Sassari ed uno dal G.Brotzu di Cagliari.
Di cuore ringraziamo anche oggi la generosa famiglia che ha donato, che per certo ha permesso che almeno un paziente potesse ricominciare a vivere, ma speriamo che ce ne siano anche altri.Un grazie anche a tutti gli operatori sanitari del circuito della Donazione e del Trapianto, che nonostante tutto quello che si dice sul “G.Brotzu” , continuano ad essere una eccellenza sanitaria di livello nazionale”.


In questo articolo: