Schiamazzi e risse, è della “Cagliari bene” il gruppo di ragazzini che spaventa Genneruxi

Un andazzo che va avanti da almeno due mesi, decine le segnalazioni di residenti e parrocchiani alle Forze dell’ordine. C’è stato anche un pestaggio: i protagonisti, stando a quanto si apprende, sono tutti figli di professionisti e gente in vista

Un ragazzino picchiato, un altro minacciato. E, poi, schiamazzi, urla e minacce. Il gruppo di minorenni che terrorizza Genneruxi lo fa da almeno due mesi. Ci sono le segnalazioni, fatte alle Forze dell’ordine: decine, sia da parte di residenti del rione sia da parte di parrocchiani. I racconti sono tutti simili: schiamazzi, anche di notte, e minacce. Ma i “protagonisti”, una decina di giovani tra i 14 e i diciotto anni (tra loro ci sono anche minorenni, quindi), non sono mai stati denunciati. Chi si è lamentato, poi, non ha rilasciato nessuna deposizione. E in alcuni casi, le stesse famiglie dei giovanissimi hanno trovato un accordo per eventuali risarcimenti. Le Forze dell’ordine, stando a quanto si apprende, hanno anche sentito il prete della chiesa del Santissimo Crocifisso, ma non è emerso nessun elemento utile.
C’è stato un pestaggio, meglio, una “scazzottata”, qualche tempo fa: un ragazzo è stato picchiato dal gruppetto, un altro è stato invece minacciato. In quest’ultimo caso, però, le Forze dell’ordine sono riuscite a risalire ai genitori dei possibili aggressori, riuscendo a riportare la calma. E ci sono dei parrocchiani che sono andati sino in caserma per denunciare “schiamazzi e baccano, anche notturno”. E, probabilmente, anche minacce, ma sempre verbali. Ieri ci sono stati dei controlli nel rione, sia da parte della polizia sia da parte dei carabinieri. E non è escluso che le auto di 113 e 112 possano ritornare nelle strade di Genneruxi anche nei prossimi giorni.


In questo articolo: