Sassari, parla il legale della coppia “picchiata” dai vigili: “Mia cugina è di colore, è stata aggredita insieme al marito” (VIDEO)

Marco Langiu, parente e legale della coppia che si è scontrata a Sassari con i vigili urbani, fornisce su Fb la sua versione dei fatti mentre il video diventa virale sui social: “Lei ha detto di non avere i documenti ma abitando li vicino di andarli a prendere. I vigili invece a tutti i costi volevano caricarla in auto e portarla in caserma. Lei stessa quindi ha chiamato il marito chiedendo di portare giù i suoi documenti. I vigili, a cui si erano unite altre pattuglie, insistevano a volerla far salire sull’auto anche con maniere non certo delicate, quando è arrivato il marito lui stesso è stato aggredito , si vede nel video che viene picchiato, spinto a terra preso a calci”

Sassari, parla il legale della coppia “picchiata” dai vigili: “Mia cugina è di colore, è stata aggredita insieme al marito”. Marco Langiu, parente e legale della coppia che si è scontrata a Sassari con i vigili urbani, fornisce su Fb la sua versione dei fatti mentre il video diventa virale sui social:”Parlo a ragion veduta, primo perché sono parente dei malcapitati e secondo sono il loro legale. Mia cugina, la MOGLIE non compagna -hanno anche tre figli- di mio cugino è di colore (questo è importante) è andata a buttare la mondezza sotto casa quando stava rientrando a casa, non mentre la buttava, i vigili urbani l’hanno fermata per identificarla. Lei ha detto di non avere i documenti ma abitando li vicino di andarli a prendere. I vigili invece a tutti i costi volevano caricarla in auto e portarla in caserma. Lei stessa quindi ha chiamato il marito chiedendo di portare giù i suoi documenti. I vigili, a cui si erano unite altre pattuglie, insistevano a volerla far salire sull’auto anche con maniere non certo delicate, quando è arrivato il marito lui stesso è stato aggredito , si vede nel video che viene picchiato, spinto a terra preso a calci. Alla fine di tutto lei si è seduta nella macchina della polizia mentre lui viene lasciato sul posto. Vi è da chiedersi delle cose: se lei non fosse stata di colore sarebbe stata trattata così?; il fatto che fosse di colore ha fatto loro pensare che si trattasse di un altro tipo di “ospite”?; se la resistenza l’ha fatta anche mio cugino, tanto da sbatterlo a terra e picchiarlo come si vede nei video, perché lui non viene portato in caserma? Il nostro ormai è uno Stato di Polizia!!!!”, conclude l’avvocato Langiu. 

I due si sarebbero però rifiutati di fornire le generalità, per questo “sono stati denunciati per resistenza a pubblico ufficiale”, fa sapere il Comune di Sassari. Ma la dinamica crea polemica.  Una coppia gira il video con le grida della donna durante i controlli, Il giornalista Vito Biolchini denuncia sul suo blog: “Ieri notte mi arriva, sempre via Facebook, un video abbastanza scioccante. Mi dicono che siamo a Sassari, si vedono un uomo e una donna fermati e strattonati da agenti della Polizia Locale; una situazione inverosimile, di ingiustificabile violenza nei confronti di inermi cittadini. Lui si prende perfino qualche calcio, si vede chiaramente una colluttazione e ad un certo punto grida “Chiamate la polizia!”. Il giornalista Biolchini ha scritto un articolo dal titolo “Adesso basta” (che potete leggere qui: https://www.vitobiolchini.it/2020/04/18/adesso-basta/) e Caminera Noa attacca: “Sassari: aggressione subita da due persone da parte di membri della polizia municipale.Oggi sta circolando un video sulle nostre bacheche, che racconta di un’aggressione subita da un uomo e una donna a Sassari da parte di alcuni membri della polizia municipale. Sappiamo che questo non è il primo e le storie di abusi si moltiplicano. Il clima di sospetto che si vive in questi giorni è palpabile: si inizia prendendosela con i runner o con quelli che vanno al supermercato per comprare due bottiglie di vino e si arriva a episodi di intimidazione e violenza come questi. Intanto per arrivare a chiudere le attività produttive non essenziali si sono dovute attendere settimane, così come fare i controlli ai porti, mentre eravamo tutti presi da un’insensata caccia all’untore.La classe politica copre le sue responsabilità e le sue mancanze scaricando su comuni cittadini tutto il peso dell’emergenza. Sappiamo bene che il problema non sono i singoli cittadini ma il disastro in cui scelte politiche sbagliate hanno ridotto ospedali e presidi medici. Siamo solidali con tutte le persone che subiscono forme di violenza e prevaricazione, l’emergenza del Covid19 non cancella le altre e non ci farà rinunciare alla libertà”. 


In questo articolo: