Rivolta alla Marina:”Zedda inadempiente, Pigliaru commissari Cagliari”

Clamorosa protesta degli abitanti della Marina: non piace il piano acustico della giunta Zedda, parte la richiesta alla Regione di nominare un commissario. I residenti: calpestata la vita e la salute delle persone che abitano nel centro storico di Cagliari

Guerra del rumore alla Marina, nuovo capitolo. Il Comitato Rumore no Grazie si è rivolto direttamente al Presidente della Giunta Regionale Francesco Pigliaru perché attivi con urgenza le procedure per la “nomina di uno o più Commissari che provvedano in via sostitutiva ” del Comune di Cagliari alla predisposizione dei Piani di Risanamento Acustico dei quartieri di Stampace e Marina. Come dispone l’art.9 della Legge regionale n.9 del 2006.

“Le inadempienze del Sindaco Zedda e della sua Giunta hanno raggiunto un livello di assoluta insopportabilità- scrive il comitato- infatti è stata la stessa Regione nel 2013 a richiamare il Comune al rispetto degli obblighi di legge (L.447, art.7) di “adozione di uno specifico Piano di risanamento acustico” per il quartiere Stampace”, dopo aver accertato che “il superamento dei limiti di rumore è talmente rilevante che supera ampiamente il valore di attenzione che segnala la presenza di un potenziale rischio per la salute umana e per l’ambiente”. Allo stesso obbligo la Regione richiamò il Comune nel 2014 dopo 3 mila ore di rilevamenti fonometrici nel quartiere Marina che evidenziarono livelli di rumore notturno vietati persino nelle aree industriali di giorno.

Non solo in questi anni il Comune ha violato gli obblighi  che era tenuto a rispettare ma ha aggravato la situazione autorizzando l’apertura di nuovi pubblici esercizi e l’ampliamento degli spazi per mescita e ristorazione all’aperto proprio nelle aree che avrebbe dovuto risanare. Ancora una volta  sono state calpestate la vita e la salute delle persone quantunque godano di una tutela costituzionale che è primaria e assoluta.

Di fronte a comportamenti così omissivi e deleteri, il Comitato ha chiesto al Presidente Pigliaru di dimostrasi intransigente anche nei confronti dell’Assessore all’Ambiente Donatella Spano che da tre anni assiste passivamente di fronte alla gravità di situazioni che ben conosce  o  che dovrebbe conoscere, perché sono i suoi Uffici ad aver richiamato il Sindaco Zedda al rispetto di obblighi disposti a tutela della salute e dell’ambiente. E’ l’ora dei fatti, le inadempienze accentuano le quotidiane sofferenze dei residenti”. 


In questo articolo: