Sardegna Arena, Gigi Riva in visita al nuovo museo del Cagliari

Ieri è stata inaugurata alla Sardegna Arena il “Cagliari 1920 History & Gallery”, nel cuore della Sardegna Arena. E oggi Gigi Riva, il bomber dello scudetto del 1970, leggenda del Cagliari e del calcio italiano, si è recato in visita al museo

Sardegna Arena, Gigi Riva in visita al nuovo museo del Cagliari.

Ieri è stata inaugurata alla Sardegna Arena il “Cagliari 1920 History & Gallery”, nel cuore della Sardegna Arena. E oggi Gigi Riva, il bomber dello scudetto del 1970, leggenda del Cagliari e del calcio italiano, si è recato in visita al museo.

Un tuffo nella storia del glorioso passato rossoblù, ripercorso con racconti, video, foto, trofei, cimeli. A partire dal 1920, quando il chirurgo Gaetano Fichera diede vita al Cagliari e quando i rossoblù, in camicia bianca, giocarono la prima partita della loro storia contro allo “Stallaggio Meloni”. All’inaugurazione del percorso museale c’erano i protagonisti rossoblù di ieri e oggi. Non sono voluti mancare all’appuntamento i campioni dello Scudetto Beppe Tomasini, Cesare Poli, Ricciotti Greatti, Adriano Reginato. Presenti tanti calciatori che hanno contributo a rendere grande il Cagliari: da Daniele Conti e Alessandro Agostini, passando per Lulù Oliveira, Gigi Piras, Roberto Quagliozzi, Pino Bellini, Giovanni Roccotelli, Emanuele Gattelli, Costantino Idini, sino a Tonino Congiu, che giocò nel Cagliari tra gli anni ’50 e ’60.  Per il Cagliari di oggi tutto la staff e la squadra al completo, a guidare la delegazione il Presidente Tommaso Giulini.

In bella mostra lo Scudetto 1969-70. Esposti in vetrina numerosi cimeli tra cui la maglia di Riva indossata in Torino-Cagliari 0-4, ultima giornata del campionato 1969-70; maglie storiche come quelle di Nenè e Gigi Piras. Alle pareti anche pannelli dedicati alla storia e ai protagonisti rossoblù, con statistiche all-time di presenze e cannonieri. Complessivamente oltre 550 mq dedicati alla storia rossoblù, che da martedì 17 ottobre saranno visitabili dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20.


In questo articolo: