Racugno a Radio Casteddu: “Partita in Sardegna la caccia alle varianti del virus”

I test al Policlinico: “È importante una mappa della diffusione: riuscendo a  individuarne la presenza si potrebbero fare dei lockdown mirati nelle comunità eventualmente coinvolte. Potremmo bloccare sul nascere la diffusione”

Caccia alla variante covid-19: a Radio CASTEDDU, Paola Racugno direttrice sanitaria del policlinico di Monserrato.
“Le analisi sono iniziate oggi per cui non abbiamo ancora un risultato, volevo però sottolineare l’importanza di questo tracciamento perché, sin da quando siamo stati invasi dalla pandemia, uno degli elementi fondamentali per riuscire a contenere la diffusione è proprio il tracciamento che ci consente di individuare eventuali focolai e, quindi, arginare la diffusione.
Su iniziativa del Ministero della Salute si è pensato di fare questo tracciamento anche per le varianti che sono abbastanza preoccupanti”.
“Le varianti sono una caratteristica del virus, è proprio l’arma che li rende particolarmente insidiosi proprio perché, nel variare il loro aspetto genomico, riescono a ingannare il sistema immunitario di chi è stato già infettato, oppure di intraprendere una variazione che li rende più trasmissibili.
È importante una mappa della diffusione: riuscendo a  individuarne la presenza si potrebbero fare dei lockdown mirati nelle comunità eventualmente coinvolte. Potremmo bloccare sul nascere la diffusione”.
Risentite qui l’intervista a Paola Racugno del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanu
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: