Quartu, velodromo tutto nuovo: sì alle gare internazionali di ciclismo e calcio con lo street food

Affidata la gara per far risorgere la struttura sportiva di via San Francesco, altri 120mila euro dal Comune. L’obbiettivo è quello di riportare gare di livello internazionale entro l’estate. Tempo dei lavori? Otto mesi, e dopo le partite potranno lavorare, accanto ai cancelli, i venditori di panini e bibite 

Si avvicina sempre di più il giorno della rinascita del velodromo di via San Francesco a Quartu Sant’Elena. Gli uffici del Comune hanno firmato le carte legate all’affidamento diretto per la progettazione e il coordinamento della sicurezza per i lavori, per un totale di 120mila euro, il cui inizio è previsto a breve.  Otto mesi, questa la durata che l’amministrazione comunale aveva già segnato nelle agende. Dopo dieci anni di abbandono, quindi, il velodromo sarà tutto nuovo. Dentro c’è un campo da calcio che sarà ristrutturato, più la pista per il triathlon e il ciclismo. Sarà tutto riqualificato e, soprattutto, omologato per ospitare competizioni internazionali. Con spalti tutti nuovi pronti ad ospitare il pubblico, restrizioni legate al Coronavirus permettendo. Sul piatto c’è, in totale, più di un milione di euro, e il prossimo passaggio è l’approvazione del progetto esecutivo in Giunta, dopo il via libera di oggi all’affidamento diretto degli interventi che gli operai dovranno svolgere negli spazi di via San Francesco.
E, dopo le gare, i venditori di panini e bibite potranno piazzarsi fuori dai cancelli per vendere: l’ulteriore intento del Comune, infatti, è quello di concedere i permessi per il suolo pubblico davanti al velodromo.


In questo articolo: