Quartu Sant’Elena città dei diritti, oggi seduta straordinaria del consiglio comunale

Quartu vuole impegnarsi nella promozione del rispetto e del dialogo, per contrastare la cultura dell’odio.

Quartu Sant’Elena vuole essere “Città dei Diritti”, solidale, inclusiva, aperta a tutte le espressioni individuali ed affettive dei propri cittadini. Oggi, in occasione della Giornata Internazionale contro l’Omofobia, si terrà un consiglio comunale straordinario a partire dalle ore 17 “in cui – comunica il sindaco Graziano Milia – ufficializzeremo l’adozione della Carta Etica contro ogni discriminazione. Quartu vuole impegnarsi nella promozione del rispetto e del dialogo, per contrastare la cultura dell’odio. L’impegno per i diritti tuttavia non può rimanere solo un enunciato: deve tradursi in fatti concreti, tangibili, in mezzo alle persone. E’ per questo che  una nutrita rappresentanza di consiglieri comunali ed assessori si è cimentata con i 6 colori simbolo del movimento LGBTQ dipingendo la prima Panchina Arcobaleno della città”.
La seduta verrà intitolata questa mattina alle 11 alla memoria dell’attivista quartese Laura Grasso, scomparsa, dopo una lunga malattia all’età di 60 anni, lo scorso settembre. “Insieme alla Panchina, inaugureremo la piazzetta in cui questa si trova, in Viale Colombo angolo via Paganini, che per l’occasione prenderà ufficialmente il nome di Piazza dei Diritti. L’impegno dell’Amministrazione non finisce qui: Quartu si doterà presto di uno sportello contro le discriminazioni motivate da orientamento sessuale e identità di genere con un progetto che nasce  in collaborazione con l’Associazione ARC onlus nell’ambito del Bando UNAR. Anche questo è un modo per celebrare la giornata del 17 maggio”.


In questo articolo: