Quartu, l’sos da Geremeas: “Auto depredate dai ladri, mettete telecamere e fototrappole in via Antares”

Vetri rotti e furti nella zona dei villaggi e delle villette, l’estate è lontana e la zona è terra di nessuno: “Da fine settembre i parcheggi sono gratuiti e i vigili se ne vanno. L’ultima macchina è stata ‘visitata’ dai malviventi mercoledì scorso”

L’estate è un lontano ricordo, i vacanzieri non ci sono più e le villette della zona di Geremeas, sul litorale di Quartu Sant’Elena, sono quasi tutte disabitate. Pochi i residenti che vivono nel dedalo di stradine ai bordi della Provinciale 17 tutto l’anno, e i ladri ne approfittano per rubare dalle automobili parcheggiate in via Antares. A denunciare il fatto è un frequentatore della zona, Alberto A., che a Casteddu Online e Radio Casteddu ha raccontato delle numerose “spaccate” compiute dai malviventi: “In via Antares aprire auto parcheggiate è la normalità da anni. Mai un sopralluogo dei carabinieri”, spiega il giovane. “L’ultima auto è stata ‘visitata’ dai malviventi mercoledì scorso, da quando il villaggio si è svuotato e i parcheggi non sono più a pagamento sono sparite anche le guardie. Ho notato una coppia di giovani scappare a gambe levate, otto giorni fa. Un altro residente mi ha invece detto di aver notato un uomo salire in tutta fretta, circa un mese fa, a bordo di un’automobile”. Le foto parlano da sole, sull’asfalto sono ancora visibili i resti dei cristalli dei finestrini finiti in frantumi. Una situazione di pericolo destinata a durare sino alla prossima estate.
“Ho contattato i carabinieri, a breve spero di potermi recare di persona in caserma per sporgere denuncia. Il Comune deve mettere telecamere e fototrappole per beccare questi delinquenti, se funzionano per multare gli incivili che abbandonano i rifiuti possono essere molto utili anche per i topi d’auto, oltre al fatto che la sola presenza delle telecamere funge da deterrente”.


In questo articolo: