Pula, musica disco e assembramenti per la seconda volta: bar chiuso per trenta giorni

Sanzionate anche 9 persone a Villamar, anche loro sorprese all’interno di un bar in assembramento

Nella serata di ieri a Pula, i carabinieri della locale Stazione, nel corso di un controllo ad un bar del luogo, hanno notato all’interno dello stesso e nelle relative pertinenze numerosi avventori, musica ad alto volume e presenza di disc-jockey, con conseguente totale mancanza del necessario distanziamento sociale previsto dalle misure governative e con l’aggravante della recidiva per analoga situazione contestata il 12 dicembre 2020. 

Subito è stata intimata la chiusura provvisoria del locale per 30 giorni, notificata al 27enne titolare dell’esercizio pubblico, imprenditore, incensurato.

Allo stesso tempo a Villamar, i carabinieri della locale Stazione, nell’ambito di predisposti servizi preventivi contro l’emergenza pandemica hanno segnalato alla Prefettura di Cagliari 9 persone di età compresa fra i 22 e i 33 anni, nonché la 23enne barista, incensurata, per violazione delle normative vigenti in tal senso. Tutti sono stati sorpresi a consumare all’interno del bar, creando un assembramento non consentito, per cui sono stati contravvenzionati con la canonica sanzione da 400 euro e con segnalazione dell’esercizio pubblico per una possibile sospensione della licenza. 


In questo articolo: