Prostituzione in viale Elmas, falò e litigi. Il video denuncia dei residenti: “Cagliari da terzo mondo”

I residenti esasperati girano un filmato di notte e lo inviano a Cagliari Online: “Strade senza nemmeno un lampione acceso, solo i fuochi accesi sui bordi. Dopo una certa ora non si può uscire nemmeno con il cane”. GUARDATE il VIDEO DENUNCIA dei residenti

“Queste sono le condizioni nelle quali viviamo. Dopo una certa ora non si può uscire nemmeno a passeggio con il cane. E non parliamo dei bambini…”. È lo sfogo, l’ennesimo, che arriva dagli abitanti del dedalo di strade vicine al viale Elmas. L’urgenza è sempre la stessa: la prostituzione. In Comune ci sono tanto di interrogazioni sul tema e vari consiglieri comunali hanno detto la loro, nel modo più classico: l’opposizione ha attaccato la maggioranza e la maggioranza ha replicato, ovviamente smentendo”. Nel mezzo, però, ci sono centinaia di cagliaritani che vivono tra viale Trieste, via Po, via del Fangario, viale Monastir e viale Elmas. In molti hanno scritto alla nostra redazione e in un caso, addirittura, hanno spedito un video.

Il filmato è stato girato da Artur S., residente tra via del Fangario e viale Elmas. Un tour notturno nel buio della periferia cagliaritana che scompare solo quando ci si avvicina ai fuochi accesi dalle ragazze ai bordi della strada: “Questa parte di Cagliari è da terzo mondo”. A contorno, anche fotografie scattate di giorno: ben visibili tracce di bruciato sull’asfalto, muretti crollati e secchi di plastica utilizzati come sedie.

 


In questo articolo: