Porto di Cagliari, Massidda non sarà reintegrato a capo dell’Authority

La decisione della Cassazione con la sentenza, n. 27341, depositata oggi: bocciato il ricorso presentato dall’ex senatore del Pdl

Un finale amaro per il porto di Cagliari: Piergiorgio Massidda non tornerà alla guida dell’Autorità portuale del capoluogo. La decisione si attendeva da mesi: oggi la sentenza della Cassazione è stata depositata in cancelleria a Roma. Rigettato sia il ricorso principale che quelli incidentali presentati dall’ex parlamentare del Pdl dopo la sua estromissione da presidente dell’Authority per illegittimità decisa dal Consiglio di Stato. In quell’occasione i giudici di secondo grado avevano dato ragione all’attuale assessore regionale ai Trasporti, Massimo Deiana, che aveva presentato ricorso al Tar sulla nomina di Massidda nel 2011: secondo Deiana la nomina era illegittima perchè Massidda non possedeva i titoli per ricoprire quel ruolo. Nel frattempo lo stesso ex senatore era stato nominato commissario straordinario dell’Authority: decisione poi revocata dal ministro dei Trasporti. Attualmente alla guida dello scalo marittimo del capoluogo c’è, come commissario straordinario, il comandante della Capitaneria di Porto Vincenzo Di Marco, prorogato fino alla fine dell’anno.


In questo articolo: