Poetto, l’inciviltà regna: i primi tuffi tra i rifiuti

Cumuli di spazzatura alla quarta fermata tra lo sdegno dei bagnanti 

Bottiglie, lattine e rifiuti di ogni genere al Poetto. Questo lo spettacolo a cui hanno assistito i numerosi bagnanti che hanno affollato il litorale cagliaritano in questa calda domenica primaverile. “Ecco i primi tuffi della stagione – denunciano i bagnanti – tra i rifiuti. Sopportiamo il disagio dei cantieri, ma non l’inciviltà che troppo spesso rimane impunita”.

Da parte del Comune l’impegno a riattivare il servizio di controllo della spiaggia da parte degli agenti della municipale in borghese, con multe sino a 200 euro per chi abbandonerà rifiuti sulla sabbia. “È importante sottolineare – fanno sapere dal Comune – che più rifiuti lasciati sulla spiaggia obbligano l’amministrazione a potenziare gli interventi di pulizia e più interventi di pulizia al giorno, oltre a quelli già previsti, comporterebbero un aumento della tassa Tari che vanificherebbe la riduzione da 6 milioni di euro operata quest’anno”. Nella foto la spazzatura buttata alla quarta fermata del Poetto.


In questo articolo: