Pirri, il crollo del muro e della vergogna: “Quella casa è mia e il Comune non me la vuole far abbattere” (VIDEO)

In via Italia crolla il muro di un rudere, proprio accanto a un negozio di articoli musicali. Salvatore Locci: “È mio ma non posso abbatterlo. Il Comune prima ha detto che era di interesse storico e, poi, ha ammesso di essersi sbagliato. Ora dovrò togliere i detriti e metterlo in sicurezza a mie spese: assurdo”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

A prima vista è un rudere abbandonato. Ma anche a guardarla bene, una casetta di via Italia a Pirri, attaccata a un negozio di strumenti musicali in via Italia, è tutt’altro che una reggia. Ma abbatterla, a quanto pare, è impossibile. Nelle ultime ore, per colpa di incuria e maltempo, il muro è crollato: alcune transenne circondano i detriti ed evitano il passaggio dei pedoni. Il rudere e il negozio hanno lo stesso proprietario, Salvatore Locci. È lui che, quanto prima, dovrà ripulire il tratto di marciapiede sepolto dai pezzi di cemento: “Quella casa è mia, esiste sin dagli anni Sessanta e il Comune non me la vuole far abbattere”. Come mai? Tutta colpa di un errore che poi, a valanga, ha portato a una serie di divieti. Circa dieci anni fa, infatti, Locci chiede all’amministrazione comunale il permesso di buttare giù tutto e ricostruire, ma arriva il no: “La casa è di interesse storico”, quindi le ruspe devono stare alla larga. Ma Salvatore Locci non ci sta e chiede spiegazioni. E spunta fuori l’amara sorpresa: “C’era un errore nella cartografia, non c’è nessun interesse storico”. Ribaltone, quindi. A quel punto il proprietario pensa di poterla demolire: “E invece no, il permesso non mi è mai arrivato”.
E nelle ultime ore, alla beffa, si è aggiunto il danno del crollo: “Dovrò ripulire tutto io e, poi, metterla in sicurezza”. A telecamera spenta Locci confida di aver battagliato tanto per poter demolire ciò che è suo, e di averne quasi fatto una malattia: “Cosa posso dire?”, conclude, allargando mestamente le braccia. Il rudere resterà lì per chissà ancora quanto tempo. Con via Italia che, ad ogni temporale, in parallelo, continuerà ad allagarsi.


In questo articolo: