Picchia la compagna sotto gli occhi del figlio minore: operaio arrestato ad Assemini

La circostanza costituisce un’aggravante del reato per i danni psicologici che può indurre sul bambino.

Ieri ad Assemini i carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto per maltrattamenti contro familiari e conviventi e per lesioni personali aggravate un trentottenne del luogo, operaio. I militari  sono intervenuti a seguito di una chiamata pervenuta alla centrale operativa di via Nuoro e hanno accertato che, poco prima, l’uomo si era reso responsabile di maltrattamenti nei confronti della compagna, che aveva percosso ripetutamente in presenza del figlio minore. Tale circostanza costituisce un’aggravante del reato per i danni psicologici che può indurre sul bambino. Dai primi accertamenti è emerso che l’uomo sin dall’anno 2015 aveva messo in atto nei confronti della donna un crescendo di condotte di maltrattamento, consistita in minacce, percosse e umiliazioni. L’arrestato, al termine della redazione degli atti relativi a quanto accaduto, è stato accompagnato presso l’abitazione dei genitori dove permarrà agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida e probabili provvedimenti cautelari che lo terranno lontano dall’abitazione dove vivono la moglie e il figlio.


In questo articolo: