Nessuna traccia di Vittorio Maullu: “Papà può essere ovunque, anche a Cagliari”

Sei giorni di mistero e angoscia per i parenti del 58enne scomparso da Asuni. Il figlio Simone: “Cercatelo ovunque, qualcuno potrebbe avergli dato un passaggio anche sino a Cagliari. Aiutateci a trovarlo”

A terra, con i Vigili del fuoco che coordinano tutte le operazioni insieme a carabinieri, Corpo forestale e Soccorso alpino. Dall’alto, grazie ai droni. Le ricerche di Vittorio Maullu, poliziotto penitenziario in pensione di 58 anni, vanno avanti in modo serrato: “Attualmente tutte le ipotesi sono apertissime. Lo stiamo cercando in tutta la zona di Asuni, anche nelle aree di montagna”, spiega il comandante dei carabinieri di Mogoro, Nadia Gioviale. “Tutte le squadre stanno facendo turni di otto ore, notte inclusa”. Si sta battendo palmo a palmo tutto il territorio attorno alla casa dalla quale, lo scorso nove dicembre, Maullu è scomparso. Una scomparsa che continua a tenere in una immensa angoscia i suoi parenti: l’uomo, stando a quanto riferito dalla sorella a uno dei figli, avrebbe ricevuto una telefonata “misteriosa”, proprio prima di uscire e scomparire nel nulla.  Maullu poi, negli ultimi giorni, “non era tranquillo”. I motivi non si conoscono, e uno dei suoi figli, Simone, lancia un nuovo appello attraverso Casteddu Online.

 

“Sono passati sei giorni dalla scomparsa di papà, potrebbe essere ovunque. Magari qualcuno si è offerto di dargli un passaggio in auto, qui ad Asuni non l’ha più visto nessuno dal giorno della scomparsa”. Zero segnalazioni, quindi: “Bisogna cercarlo ovunque, anche a Cagliari”, città nella quale il 56enne abita insieme alla moglie.