Navi, la promessa di Grimaldi che sfida Tirrenia: “I sardi? Li farò viaggiare tutti gratis sui miei traghetti”

Si accende la sfida tra gli armatori in vista della scadenza della convenzione tra Stato e Tirrenia, e Grimaldi questa volta sembra fare davvero sul serio: “Con la metà dei soldi che riceve oggi la Tirrenia io sono pronto a farli viaggiare senza spendere un euro, gli abitanti della Sardegna”

Navi, la promessa di Grimaldi che sfida Tirrenia: “I sardi? Li farò viaggiare tutti gratis sui miei traghetti”. Si accende la sfida tra gli armatori in vista della scadenza della convenzione tra Stato e Tirrenia, e Grimaldi questa volta sembra fare davvero sul serio: “Con la metà dei soldi che riceve oggi la Tirrenia io sono pronto a farli viaggiare senza spendere un euro, gli abitanti della Sardegna”. Una frase ribadita con forza ai Giardini Naxos, dove l’armatore Emanuele Grimaldi invoca la realizzazione in Italia del modello spagnolo, quello utilizzato per le Canarie e le Baleari. Dove i soldi pubblici vengono dati agli utenti, ai passeggeri stessi o alle compagnie di navigazione. In questo modo scelta e libera concorrenza sarebbero garantite.

E mentre sulla Tirrenia di Onorato c’è anche una richiesta di fallimento, la compagnia concorrente è pronta a garantire un’alternativa davvero low cost per la nostra Isola. La proposta è stata lanciata davanti a decine di esperti del mondo della finanza, Grimaldi sostiene che con appena 38 euro di euro di contributi statali (oggi ne vengono concessi circa il doppio) il caro traghetti per i residenti nell’Isola verrebbe praticamente abbattuto grazie a una vera continuità territoriale.


In questo articolo: