Natale nelle case parcheggio: proteste a Is Mirrionis e Mulinu Becciu

Trascorreranno l’ennesimo Natale nelle case fuori standard con muffa e umidità. Famiglie da 6/8 persone in alloggi da 40 metri quadrati, anche anziani, bimbi e disabili. E ora protestano contro il Comune e chiedono alloggi popolari dignitosi

Trascorreranno l’ennesimo Natale nelle case fuori standard di Is Mirrionis e Mulinu Becciu con muffa e umidità. Famiglie da 6/8 persone in alloggi da 40 metri quadrati, anche anziani, bimbi e disabili. E ora protestano contro il Comune e chiedono alloggi popolari dignitosi.

“Stiamo ancora aspettando da tanti anni una assegnazione di case definitiva”, scrivono in una lettera che denuncia la loro condizione, “Qui da anni le case sono fredde ed umide sia nei muri con muffa e nel pavimento rimane bagnato, dovremmo avere la priorità di assegnazioni alloggi, dopo tanti anni?

Gli abitanti delle case parcheggio chiedono di “fare dei bandi nuovi così potremmo partecipare anche noi ,ormai l’ultimo bando venne fatto nel 2009. Qui siamo dimenticati e paghiamo l’affitto uguale alle case definitive.

Chiediamo al nostro sindaco, assessori, consiglieri di fare qualcosa per vivere degnamente, ci sono tante famiglie numerose in 6, 8, in 41 mq con bambini e anziani, e disabili.

Queste case dovevano essere provvisorie come da contratto e come si libera una casa definitiva si chiamava alla famiglia, case parcheggio devono essere una rotazione per la gente e non definitive.

Quando  si liberano le case devono chiamare 1 a chi è in graduatoria e a 1 chi vive in queste case. Con tutto ciò auguriamo un buon natale e un felice anno nuovo al comune di Cagliari.

 


In questo articolo: