Multiservizi, gli ex dipendenti: “Dopo 8 mesi ancora senza un lavoro”

La rabbia dei dipendenti della ex società partecipata del Comune di Cagliari, licenziati lo scorso 14 novembre: sette di loro sono ancora senza lavoro

Sono stati licenziati lo scorso 14 novembre i dipendenti della Multiservizi, dopo che il Comune ha deciso di mettere la società partecipata in liquidazione. Dieci in tutto i lavoratori mandati a casa, tre di loro nel frattempo sono stati inseriti in altri settori comunali. Gli altri sette sono ancora a casa, senza un lavoro e con famiglie da mantenere. “Da parte del sindaco abbiamo ricevuto solo tante promesse – spiega Michele Porcu, uno dei licenziati – Ma la realtà è che per molti di noi è finita la disoccupazione e non c’è nessun reinserimento all’orizzonte: siamo disperati”.

La scorsa settimana l’ultimo incontro con il sindaco Massimo Zedda. “Ci ha detto che avrebbe contattato tutte le ditte comunali per sapere se è possibile assumere qualcuno di noi – continua Porcu – ma con la crisi che c’è dubito che possa succedere. Il fatto è che l’amministrazione avrebbe dovuto trovare prima una soluzione. Io ho lavorato dodici anni per il Comune sempre con dedizione, no posso pagare le conseguenze di una cattiva gestione che ha portato un buco di migliaia di euro per le casse comunali. Voglio, e come me gli altri sei colleghi, essere riassunto: senza un lavoro non possiamo vivere”. Nella foto la protesta dello scorso novembre sotto il Comune.


In questo articolo: