Multiservizi, ex dipendenti ancora senza lavoro:”Abbandonati da tutti”

La rabbia dei dipendenti della ex società partecipata del Comune di Cagliari: da quasi dieci mesi senza lavoro chiedono al sindaco di essere reinseriti

Sono disperati i dipendenti della Multiservizi licenziati lo scorso 14 novembre, dopo che il Comune ha deciso di mettere in liquidazione la società partecipata. Nel frattempo tre di loro sono stati reinseriti in altri settori comunali, gli altri sette sono ancora a casa senza un lavoro. E dalla disperazione si passa alla rassegnazione. “Siamo abbandonati da tutti – spiega uno degli ex dipendente, Michele Porcu – anche dai sindacati. Spero che il sindaco trovi subito una soluzione, anche se dopo mesi di promesse e niente di concreto sto perdendo le speranze”.

E il caso torna in Consiglio comunale con un’interrogazione di Forza Italia, all’ordine del giorno dopo la pausa estiva dell’assemblea civica, con cui si chiede se stia cercando di reinserire i sette dipendenti licenziati in altri servizi comunali o altre società partecipate. “In diverse occasioni si era ipotizzata la collocazione, anche temporanea, delle figure professionali precedentemente impiegate nella Multiservizi – spiega Stefano Schirru, Fi – E alcuni di loro sono stati inseriti nella nuova ditta vincitrice dell’appalto per la gestione dei servizi cimiteriali”. Una promessa che lo stesso sindaco ha fatto ai sette ex dipendenti durante un incontro a luglio. “Ci ha detto che avrebbe contattato tutte le ditte comunali per sapere se è possibile assumere qualcuno di noi – aggiunge Porcu – Ma ancora non abbiamo ricevuto risposte. Purtroppo in giro non si trova lavoro, se non qualcosa di saltuario, e con una famiglia da mantenere è drammatico. Ma una cosa è certa: non ci rivolgeremo mai ai Servizi sociali, abbiamo una dignità”. Nella foto la protesta dello scorso novembre sotto il Comune.