Michela, prof di Storia di Quartu: “L’Ipad rubato al prete? Tanto vittimismo mi sembra eccessivo”

La notizia del furto dell’Ipad subito da don Michele Vincis, parroco di Padru, scatena i nostri tantissimi lettori. Michela Paganu, 42enne di Quartu e prof di Storia e Filosofia: “Mi dispiace per il furto, ma i preti sono i primi a biasimare le ricchezze materiali”

di Paolo Rapeanu
Il furto subito proprio durante la Messa da don Vincis, parroco di Padru – soldi delle offerte, l’oro della madonnina, ma anche il suo Ipad – è una notizia brutta, soprattutto perché avvenuta in un ambiente dove l’accoglienza è sempre al primo posto. Tuttavia, proprio sullo strumento tecnologico si sono focalizzati alcuni commenti dei nostri tantissimi lettori. Come nel caso di Michela Pagani: 42 anni, prof di Storia e Filosofia, è di Quartu Sant’Elena. Questo il suo commento lasciato nella pagina ufficiale Facebook del nostro giornale.
“Un prete con l’Ipad? Senza cuore per le offerte sicuramente, ma per gli aggeggi elettronici del curato così tanto vittimismo mi sembra eccessivo. Pastori di anime e detentori di quelle ricchezze materiali che tanto biasimano”

In questo articolo: