Maxi stretta contro il virus a Maracalagonis, mascherine in caso di assembramenti e ombrelloni distanziati anche a Torre delle Stelle

MASCHERINE OBBLIGATORIE OVUNQUE SE CI SONO ASSEMBRAMENTI – Ventotto positivi e 9 cittadini in quarantena, arriva l’ordinanza urgente della sindaca Fadda: ombrelloni e lettini ben distanti a Torre delle Stelle, Geremeas e Baccu Mandara, mascherine pronte all’utilizzo in spiaggia e in città. I titolari di stabilimenti balneari e ristoranti dovranno segnare i nomi di tutti i clienti: “Ho già chiesto un incontro con l’Ats”

Il virus spaventa e Maracalagonis si prepara a vivere una settimana di restrizioni. A confermarlo a Casteddu Online è la sindaca Francesca Fadda. Per iprossimi sette giorni ci sarà “l’obbligo delle mascherine all’aperto se c’è rischio di assembramenti”, stop agli “spettacoli all’aperto, al chiuso e in spiaggia. Nelle spiagge libere distanziamento tra gli ombrelloni di almeno 10 metri quadri. Lettini, sedie e sdraiette con distanziamento di un metro tra persone non conviventi”. Ancora: “Obbligo per tutte le attività di ristorazione, bar, ristoranti e stabilimenti balneari di adottare registro clienti sia prenotati che occasionali, segnando nome, cognome e telefono di un membro famiglia o di un membro del gruppo” e “nei locali pubblici si deve esporre un cartello che riporti numero massimo ammessi nel locale”.
Non hanno obbligo di mettere mascherina: bambini meno 6 anni, persone patologie o disabilità incompatibili con mascherina, mentre si mangia e si beve nei luoghi in cui è consentito. “Confido nella nostra e vostra collaborazione al fine di evitare una chiusura totale delle attività. I sindaci  della Città Metropolitana, al fine di coordinare le azioni si stanno organizzando e programmando un incontro per concordare con Ats Sardegna azioni condivise. Al momento abbiamo 28 positivi in isolamento, un concittadino ricoverato all’ospedale e nove persone in quarantena”


In questo articolo: