Caos malamovida a Cagliari, Fdi: “Il Governo schieri la Brigata Sassari”

Baccano notturno, vandalismo e violenza nel fine settimana nel centro del capoluogo. Il caso arriva in Parlamento. Deidda: “Sto chiedendo di coinvolgere la Brigata Sassari, con l’operazione Strade Sicure”

Malamovida a Cagliari. Il caso ora arriva anche in Parlamento. Il deputato Fdi Deidda annuncia un’interrogazione al ministro dell’Interno Lamorgese per rafforzare l’organico di polizia e carabinieri e anche l’intervento della Brigat Sassari. “Questo sabato, anche io ero a spasso nel Corso Vittorio Emanuele, nel Quartiere Marina e nel cosiddetto centro ed ho visto la rissa come allo stesso modo ho visto la reazione lodevole dei proprietari dei locali che hanno cacciato via questi ragazzini, alcuni sembravano bambini, che hanno cominciato a litigare e atteggiarsi come nei film vediamo i componenti delle gang o delle bande”, spiega Deidda. “I locali sono un problema? No. Il problema è chi vende alcool ai minorenni e alcool da asporto, fuori orario. Il Sindaco di Cagliari ha fatto le ordinanze e ha chiesto, pubblicamente e non solo, più controlli a Prefetto e Questore. Appunto. Non bastano le volanti. Nel Corso sarebbe stato impossibile passare. E 4 volanti con 20 mila persone che possono fare? Servono presenze in forze e ben visibili. Servono controlli mirati. Inutile colpevolizzare locali, tutti i giovani. La maggior parte dei proprietari dei locali sono i primi contrastare il degrado. La maggior parte dei cittadini vuole vivere una serata divertendosi. Anche cantando ma nei limiti. Bisogna contrastare chi i limiti non li sa gestire. Per questo motivo sto presentando una interrogazione al Ministro dell’Interno per sapere cosa intende fare e se intende finalmente rafforzare l’organico della Polizia di Cagliari, se intende coinvolgere di più, come richiesto dallo stesso Sindaco, Carabinieri e Guardia di Finanza e in più sto chiedendo di coinvolgere la Brigata Sassari, con l’operazione Strade Sicure, sino a quando non sarà completata la dotazione di più personale”.


In questo articolo: