Luciana di Teulada: “Aspetto il vaccino per mio figlio disabile grave”

A Radio CASTEDDU, Luciana Gallus di Teulada: “Non posso uscire da casa perché altrimenti sarebbe troppo rischioso per Mattia”

Luciana attende ancora il vaccino anticovid sia per lei che per suo figlio Mattia, gravemente disabile. “Non posso uscire da casa perché altrimenti sarebbe troppo rischioso per Mattia”.
A Radio CASTEDDU, Luciana Gallus di Teulada: “È da circa un mese e mezzo che ho segnalato la nostra situazione all’ATS, Mattia è un disabile gravissimo. Mi sono iscritta nella piattaforma, ho inviato mandato delle mail poiché ai numeri di telefono non forniscono una risposta. Adesso è ancora più pressante la necessità di avere questo vaccino per me e per mio figlio perché io sono la sua caregiver e sono isolata. Non posso stare in mezzo agli altri perché rientrando a casa dovrei usare una procedura di sanificazione personale prima di accedere negli ambienti dove arriverei vicino a Mattia. Ho questa urgenza ed è dal 18 febbraio che chiedo il vaccino per Mattia e dal 7 Aprile per me: è un mio diritto tornare alla normalità sia per me che per Mattia. Io non posso essergli d’aiuto  stando isolata a casa e ho bisogno di qualcuno, quindi, che mi porti la spesa e i farmaci. Tra l’altro Mattia è ancora senza la terapia riabilitativa da ottobre 2020, un problema insomma che si è aggiunge a un altro problema”.
Risentite qui l’intervista a Luciana Gallus di Paolo Rapeanu e Gigi Garau
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: