Fondi pubblici per i tamponi gratis, la Lucarelli contro il sindaco Locci: “Che lezione di civiltà, complimenti”

La nota giornalista posta l’articolo di Casteddu Online su Instagram e attacca il primo cittadino monserratino: “Davvero una grande lezione di civiltà svuotare le casse del comune per finanziare i tamponi a chi non si preoccupa del bene comune. Complimenti, sindaco Locci”

La Lucarelli contro il sindaco di  Monserrato. Con una storia su Instgram, in cui posta l’articolo di Casteddu Online, la giornalista e volto noto del piccolo schermo ha attaccato duramente il primo cittadino monserratino per il finanziamento dei tamponi, gratuiti per i cittadini, col denaro (100mila euro) dell’amministrazione. “Davvero una grande lezione di civiltà svuotare le casse del comune per finanziare i tamponi a chi non si preoccupa del bene comune”, ha scritto la Lucarelli, “complimenti, sindaco Locci”. Il sindaco monserratino ha infatti deciso di destinare i fondi per garantire i tamponi a tutti, anche ai lavoratori non vaccinati, che devono avere almeno il green pass base per poter lavorare: “Tutto parte dall’esigenza di fare uno screening sulla popolazione ma, oltretutto, per andare incontro ai cittadini che mi hanno chiesto la possibilità di andare al lavoro senza spendere 200 euro al mese di tamponi. Così aiutiamo le famiglie, potranno risparmiare e avere più denaro nelle tasche”, afferma Locci. “Non vogliamo togliere nulla alla campagna vaccinale, siamo a favore, ecco perchè faremo dei weekend ‘spot’ con la stessa Croce Rossa. Uniremo chi vuole il green pass a chi vuole vaccinarsi”.

 

Ma la Lucarelli, tra i sostenitori più accesi del “sì” al vaccino contro il Covid, ha comunque deciso di sparare a zero contro la scelta fatta dal primo cittadino di Monserrato.


In questo articolo: