L’sos disperato di Iolanda, 60enne invalida sarda: “Sto per finire in mezzo alla strada, aiutatemi”

Un ictus, cinque anni fa, stravolge la vita di Iolanda Diana, disoccupata di Carbonia: “Prendo 280 euro al mese di pensione ma, solo di affitto, ne devo pagare 250. Non riesco più a pagare, tra poche settimane non avrò più un tetto. Chiunque può mi dia una mano”

L’appello, alla fine, ha scelto di lanciarlo anche su Casteddu Online, dopo aver pubblicato un “breve” ma chiaro sos sul suo profilo personale Facebook. Iolanda Diana, nata a Iglesias ma sin da quando è ragazza residente a Carbonia, tra poche settimane rischia di non avere più trenta metri quadri protetti da un tetto nel rione “Cannas di sopra, a Carbonia”. Una vita dura e molto complicata, quella della sessantenne:  “divorziata, due figli maggiorenni ma entrambi disoccupati”, cinque anni fa la sua vita viene stravolta. “Mi è venuto un ictus, grazie a Dio non sono morta e, da quel giorno, ho una disabilità riconosciuta dell’80 per cento. Prendo 280 euro al mese di pensione, ma duecentocinquanta se ne vanno per l’affitto”. E per le bollette di acqua, luce e gas? “Mi aiuta mia figlia, è riuscita ad ottenere il reddito di cittadinanza, ogni mese sono trecento euro. Tolte tutte le spese, ci restano circa duecento euro per poter mangiare”, racconta la donna. “Nel 2017 mi sono anche fratturata il femore e il polso dopo essere scivolata. Mi muovo con molta fatica, avrei bisogno di una carrozzella ma sinora non me l’hanno mai data”.

 

Adesso, il tempo corre a doppia velocità: “L’ultimo mese non sono riuscita a pagare tutto l’affitto e i padroni della casa mi hanno detto che da marzo non mi vogliono più. Nella mia vita ho fatto tutti i lavori più disparati: manovale, addetta alle pulizie anche nei cantieri comunali. Ho fatto domanda per una casa popolare ma tutte le pratiche sono bloccate da anni”, afferma la Diana. “Sto già tremando all’idea di non avere più un tetto sopra la testa. Chiunque può, mi aiuti: cerco un piccolo appartamento in affitto ma che non costi più di 150 euro. Se poi c’è qualcuno in grado di poter offrire qualunque lavoro a mia figlia, sarebbe davvero un miracolo”. Chiunque possa aiutare Iolanda Diana può contattarla al seguente numero: +393291117273.


In questo articolo: